VIRTUELLE FACHBIBLIOTHEK GERMANISTIK Germanistik im Netz Logo

Wer-Was-Wo - Detailanzeige

Ergebnisanzeige "L’EMILIA GALOTTI E I SUOI CONTESTI. 
LE FONTI, L’AMBIENTAZIONE ITALIANA, LE FIGURE E LE TRASPOSIZIONI NELL’OPERA DI LESSING"
RessourcentypKonferenzen, Tagungen, Kolloquien
TitelL’EMILIA GALOTTI E I SUOI CONTESTI. 
LE FONTI, L’AMBIENTAZIONE ITALIANA, LE FIGURE E LE TRASPOSIZIONI NELL’OPERA DI LESSING
BeschreibungGuastalla, 25 ottobre 2012

L’EMILIA GALOTTI E I SUOI CONTESTI. 
LE FONTI, L’AMBIENTAZIONE ITALIANA, LE FIGURE E LE TRASPOSIZIONI NELL’OPERA DI LESSING

a cura di
Marco Federici Solari
Manuela Alessandra Poggi
manuela.poggi@unito.it / marco@lormaeditore.it

Com’è noto, il primo progetto dell’Emilia Galotti risale al 1757 in occasione di un premio per una tragedia in lingua tedesca, bandito da Friedrich Nicolai. A questa altezza temporale, Lessing comincia a pianificare una “Virginia borghese”, riprendendo il famoso episodio di storia romana tramandato da Tito Livio nel libro III di Ab urbe condita, in cui la resistenza ai soprusi di un tiranno coincide con la difesa fino al martirio della virtù e dell’integrità di una giovane donna. Il dramma troverà la sua forma definitiva a Wolfenbüttel nel 1771 e verrà messo in scena l’anno successivo prima a Braunschweig e poi a Vienna.
Il testo, nella sua ricchezza di temi e di toni, ha generato un’infinità di interpretazioni e di letture che nei secoli spaziano dalla teoria dei generi ai Gender Studies. Un incontro, che ha luogo lì dove la storia dell’Emilia si svolge, vuole portare l’attenzione e la riflessione anche sui diversi contesti da cui l’opera proviene e che ha contribuito a produrre. Una traccia dell’appiglio, dell’ancoraggio a un mondo referenziale esterno l’abbiamo già nelle parole di uno dei primissimi lettori del dramma, il fratello di Lessing, Karl, che, lamentando l’eccessiva passività di Emilia nelle scene iniziali, la giustifica intendendola come necessariamente dettata dall’ambientazione cattolica dell’opera: «Tu mi dirai: le ragazze in Italia vengono educate così; pensano così; agiscono così; nessuno spiraglio di libero pensiero si è aperto nella loro religione».
Dando l’avvio a una più puntuale ricerca bibliografica e d’archivio che mira a circostanziare la scelta del milieu italiano, e in particolare del ducato di Guastalla, e l’ispirazione fattuale e di indole delle diverse dramatis personae, il convegno si propone come una giornata di studio, di confronto e discussione su due diversi temi, limitrofi e intersecantisi:

1) Le fonti storiche e il contesto italiano e guastallese dell’ambientazione e l’immagine dell’Italia nell’epoca di Lessing, anche per come emergono dalle produzioni discorsive degli Aufklärer e dai caratteri dei personaggi del dramma;
2) Le pratiche critiche, teatrali e mediatiche che hanno investito e attraversato diacronicamente l’Emilia Galotti.
Un invito a guardare anche fuori dal testo, non verso la scena, ma oltre le quinte, nelle mappe e negli annali, nei pamphlet politici e attraverso il filtro bianco e nero di un obiettivo cinematografico.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI STUDI

MATTINO

10:15
Saluti e apertura dei lavori:
Eugenio Bartoli, Assessore alle culture e identità Marco Federici Solari e Manuela Alessandra Poggi, curatori del progetto
Modera Manuela Alessandra Poggi
10:30

Simonetta Sanna, Germanista, Università di Sassari)
Emilia Galotti tra Guastalla, Dosalo e Sabionetta.
11:00
Discussione
11:15
Frank Raddatz, Germanista, drammaturgo, Università di Düsseldorf, Bochum e Colonia,
La figura della vergine nell’Emilia Galotti e nella Penthesilea di Kleist.
11:45
Discussione

12:00

Gianluca Paolucci, Germanista, Università di Roma Tre,
Colore locale o motivo politico? Perché l'Emilia Galotti si svolge a Guastalla.
12:30
Discussione
13:00- 14:00
Pranzo
POMERIGGIO

Modera Marco Federici Solari, Comparatista
14:30

Matteo Galli Germanista, Università di Ferrara, Kulturerbe? L'Emila Galotti della DEFA.
15:00
Discussione
15:15

Eugenio Bartoli, Storico del diritto, Università di Parma,
L'Emilia Galotti e Guastalla. Riscontri documentali, manifesto politico e riscrittura dei piccoli Stati sulla falsariga del marchese d'Argenson
15:45
Discussione
16:00
Pausa caffè
16:30
Roberta Bergamaschi, Germanista
Emilia Galotti e Camilla Faà alla corte dei Gonzaga
17:00
Discussione
17:15

Discussione finale, conclusioni e chiusura dei lavori
18:00

Proiezione del film Emilia Galotti (1958) di Martin Hellberg
20:15
Cena
Quelle der BeschreibungInformation des Anbieters
Internetadressehttp://h-net.msu.edu/cgi-bin/logbrowse.pl?trx=vx&list=H-Germanistik&mo...
VeranstaltungsortGuastalla (RE), Italia
Beginn25.10.2012
Ende25.10.2012
KontaktdatenName/Institution: Manuela Alessandra Poggi / Marco Federici Solari 
E-Mail: manuela.poggi@unito.it / marco@lormaeditore.it 
LandItalien
SchlüsselbegriffeDramentheorie; Historische Semantik (Wissensgeschichte, Mentalitätsgeschichte, Ideengeschichte); Komparatistik (Kulturvergleich, Interkulturelle Literaturwissenschaft); Literatur 1770 - 1830; Theater (Aufführungspraxis)
Zusätzliches SuchwortLessing, Emilia Galotti, Guastalla
Klassifikation03.00.00 Literaturwissenschaft
Ediert von  H-Germanistik
Ein Angebot vonGermanistik im Netz
URL dieses Wer-Was-Wo-Datensatzeshttp://www.germanistik-im-netz.de/wer-was-wo/29217

© Virtuelle Fachbibliothek Germanistik | Letzte Änderung 25.10.2012 | Impressum | Intern